Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

DIDATTICA DELL’APNEA: SI VA VERSO UNA SOLUZIONE UNITARIA!

Si è svolta a Roma, presso la sede della FIPSAS, in data 26 Novembre 2017, una riunione avente all’ordine del giorno la didattica dell’apnea.
Alla riunione, presieduta dal Presidente Federale, Prof. Ugo Claudio Matteoli, hanno partecipato il Consigliere Federale Claudio Nolli, tre membri della Commissione Apnea del Settore Attività Subacquee e Nuoto Pinnato, Giorgio Bestente, Michele Geraci e Silvio Mercadante, e tre membri della Commissione Apnea del Consiglio di Settore della Didattica Subacquea, Francesco Di Figlia, Marta Piccoli e Maurizio Santero.
Lo scopo della riunione, fortemente voluta dal Presidente Federale, era quello di trovare una soluzione ai problemi sorti a seguito all’approvazione, da parte della Confederazione Mondiale delle Attività Subacquee (CMAS), dei nuovi standard dell’apnea, ai quali il Settore Attività Subacquee e Nuoto Pinnato si è subito adeguato, mentre il Settore Didattica Subacquea no, finendo per generare una possibile rivoluzione nell’assetto didattico federale.
Conscio dell’insostenibilità di una tale situazione, che avrebbe finito per creare (e che, anzi, almeno in parte, ha già creato) non pochi dissidi, il Presidente Federale si è assunto l’onere in prima persona di cercare di trovare una mediazione tra i due Settori interessati. E, a giudicare dall’esito della suddetta riunione, sembra proprio che ci sia riuscito, visto che tutti i partecipanti si sono detti d’accordo nel far sì che la didattica dell’apnea, ferma restando la separazione dei due Settori, diventi unitaria.
Pertanto, stabilito il principio che nell’apnea “tutti devono fare tutto”, che sono le quattro parole d’ordine con le quali il Presidente Federale ha aperto la riunione, adesso non rimane che elaborare un unico percorso didattico, conforme ai nuovi standard della CMAS, con delle qualifiche e dei programmi che valgano per entrambi i Settori.
Ed è proprio per svolgere questo compito che è già stata indetta una nuova riunione, alla quale prenderanno parte le medesime persone che si sono riunite a Roma e che si terrà ad Asti, il 3 Dicembre p.v.
Il Presidente Federale si è detto estremamente soddisfatto per l’esito della riunione, sia per il clima di collaborazione che si è instaurato che per il percorso che è stato tracciato, il quale, grazie anche alla creazione di una specifica Commissione Apnea, formata da esponenti di entrambi i Settori, dovrebbe consentire alla Federazione di poter acquisire, nel breve / medio periodo, delle importanti fette di mercato per quel che riguarda la brevettazione apneistica.