Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

GIORNATA DEL VERDE PULITO, SUL SECCHIA RACCOLTI 15 QUINTALI DI RIFIUTI

Oltre una tonnellata di rifiuti: si tratta dell’impressionante quantitativo di immondizia raccolto ieri mattina da dodici persone, lungo gli argini del fiume Secchia che collegano Moglia a Bondanello, nell’ambito della Giornata del Verde Pulito. Dal primo mattino fino all’ora di pranzo, infatti, era possibile vedere i volontari impegnati a battere le zone accessibili degli argini, muniti di sacchi neri per la spazzatura, di secchi e di tutto l’occorrente per raccogliere l’ingente mole di immondizia presente nell’area, a pochi passi dalle acque del Secchia.
L’iniziativa, resa possibile grazie alla collaborazione tra Carp Fishing Gonzaga, la Fipsas di Mantova, l’associazione Pesca Sportiva Mogliese e l’amministrazione comunale, ha visto scendere in campo alcuni pescatori amatoriali, che passano la maggior parte del loro tempo libero lungo gli argini a coltivare la loro passione e che hanno voluto contribuire in prima persona al mantenimento del decoro di queste aree naturali. I quindici quintali di rifiuti raccolti (e precedentemente abbandonati) lungo le sponde degli argini, denotano un’inciviltà latente, ma l’azione di questi volontari mette in luce la voglia di contrastare la maleducazione con qualcosa di concreto. «Abbiamo a cuore il nostro territorio ed in particolare gli aspetti più legati all’ecologia. Venerdì scorso i giovani sono scesi nelle piazze di tutta Europa per manifestare contro il cambiamento climatico; ieri, noi adulti, siamo scesi nei fossi per darci da fare e rispondere alla richiesta delle nuove generazioni di un maggior rispetto per il pianeta» ha commentato l’assessore all’ambiente Damiano Nigro. Che, su chi abbandona i rifiuti anche lungo gli argini, ha voluto aggiungere: «A questi incivili vorrei semplicemente chiedere che mondo pensano di lasciare ai loro figli?».

(Fonte: www.vocedimantova.it)