Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

PESCA IN MARE: APPROVATA IN SICILIA NUOVA LEGGE SENZA PENALIZZARE PESCA RICREATIVA

L’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato il 5 giugno l’atteso disegno di legge sulla Pesca Mediterranea “Norme per la salvaguardia della cultura e delle identità marine e per la promozione dell’economia del mare. Disciplina della pesa mediterranea in Sicilia”. 60 voti a favore per il testo composto da  42 articoli suddivisi in 9 capi. La legge va a normare le diverse attività legate all’economia del mare e all’intero indotto con l’obiettivo di modernizzare, innovare e valorizzare le attività degli imprenditori ittici, favorendo la pesca turismo, l’ittiturismo e la vendita diretta.

48374275 2293989580671936 6803345591205101568 o

Queste le dichiarazioni dell’On. Nello Dipasquale capogruppo del PD nell’Assemblea Regionale Siciliana:

“Sono molto soddisfatto per l’approvazione all'unanimità della Legge regionale sulla Pesca, avvenuta oggi pomeriggio all'Ars.
La norma è arrivata in aula dopo essere stata valutata favorevolmente dalla Commissione Attività Produttive grazie al lavoro di tutti, sia dalla maggioranza che dall’opposizione.
In particolare sono contento perché la legge fa nascere delle opportunità occupazionale per il settore della pesca turistica e, poi, perché in Commissione, pur non facendone parte, sono riuscito ad ottenere la modifica del testo base dal quale sono state rimosse le parti dove, per la pesca sportiva, era prevista l’istituzione di una licenza di pesca per le acque a mare, il divieto del mulinello elettrico e tutta una serie di altre limitazioni per la pesca sportiva. Mi sono fatto portavoce di alcune rivendicazioni da parte della Federazione Italiana Pesca Sportiva ed Attività Subacquee e di altre associazioni di settore e grazie anche alle loro indicazioni è stato possibile far valere le ragioni dei pescatori sportivi.
Da oggi se sarà possibile per i pescatori dilettanti andare a pescare senza un’apposita licenza è proprio grazie a una battaglia che è stata portata avanti in Commissione. Ringrazio, comunque, tutti i componenti della Commissione perché dopo le audizioni che si sono svolte sull’argomento è stato fatto tesoro delle di tutte le indicazioni impedendo che la categoria venisse mortificata.”