Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

MONDIALI GIOVANILI DI PESCA AL COLPO 2019: SI TORNA A CASA CON DUE MEDAGLIE

VISUALIZZA LA FOTOGALLERY

In Spagna, dopo una lotta fino all'ultimo colpo, al termine della seconda ed ultima sessione di gara svoltasi domenica 11 agosto, sulla rive del bacino di El Vicario, gli Azzurrini della Nazionale Under 15 di Pesca al Colpo, guidati dai CT Michele Natali e Francesco Degl'Innocenti, conquistano la medaglia di bronzo a squadre chiudendo al terzo posto.
Oro per la Francia e argento per l'Ungheria. 
Federico Nosotti vince il titolo mondiale individuale, (sul podio anche nella scorsa edizione del mondiale andato in scena a Novi di Modena) secondo Nagi Olivér (Ungheria) tezo Sibley Charlie (Inghilterra).

PodioInd

Con un pizzico di fortuna in più ci sarebbe stata gloria anche per i più grandi. L’Under 20 chiude al quinto posto, in un mondiale dominato dalla Polonia che conquista il titolo a squadre e quello individuale con Krzyżak Bartosz. Seconda la Francia, terza l'Olanda. L'Under 25 chiude al settimo posto, recperando diverse posizioni rispetto alla prima mache di sabato. Seconda l'Ungheria e terza la Spagna padrona di casa. Campione del mondo Under 25 Kisjuhász Bence (Ungheria), secondo Chambon Victor (Francia) e terzo Monsigny Thomas Thomas (Francia).

Non è mai facile o scontato arrivare sul podio in un mondiale. L'italia in ogni caso si porta a casa ben due medaglie con il bronzo a squdre dell'Under 15 e l'oro individuale di Federico Nasotti.

A tutti i ragazzi delle nazionali azzurre, allo staff, ai CT, a tutta la delegazione impegnata in questo mondiale giovani di Pesca al Colpo vanno i complimenti per l'impegno profuso, per non aver mai mollato ed aver lottato fine alla fine. 
Il risultato complessivo ottenuto da questa edizione del mondiale lascia in ogni caso ben sperare per il futuro, traguardo per un duro lavoro in grado di formare un gruppo di ragazzi davvero capace e promettente.

 MG 2183