REGIONE ABRUZZO

 Province:

Chieti
L'Aquila
Pescara
Teramo


    Normativa
Regione dell'Italia peninsulare (10.798 km2, 1.279.000 abitanti; 305 comuni) compresa tra l'Appennino Centrale e la costa adriatica, nel tratto limitato dalle foci dei fiumi Tronto a nord e Trigno a sud.
Sino al 1963 costituiva con il Molise un'unica regione.
Comprende le province di Chieti, L'Aquila, Pescara e Teramo.
Fisicamente la regione puņ essere suddivisa in due sezioni, con caratteristiche assai diverse.
Quella occidentale, montuosa e costituita da rocce calcaree con evidenti fenomeni carsici, supera lo spartiacque appenninico formato dai Monti della Laga, dal Gran Sasso e dal massiccio della Maiella , e include gli alti bacini del Liri e del Salto, tributari del Mar Tirreno, il versante orientale dei monti Simbruini e della Meta, e gli ampi bacini interni del Fucino, di Sulmona e del Piano delle Cinquemiglia, separati fra loro dalle catene del Velino (2.487 m), del Sirente (2.349 m) e della Montagna Grande (2.151 m).
La sezione orientale č formata da un'ampia fascia collinare subappenninica, costituita da terreni argillosi e arenacei cenozoici, fortemente incisi dall'erosione.
Essa declina dolcemente fino alla costa, orlata da ampie spiagge sabbiose, interrotte dalle frequenti foci dei fiumi.
I rilievi montuosi condizionano l'impostazione della rete idrografica abruzzese.
I corsi d'acqua hanno all'interno un andamento longitudinale e successivamente si aprono un varco attraverso profonde gole trasversali (gole di Popoli, di Barrea) per scorrere in seguito, quasi paralleli tra loro, trasversalmente al rilievo.
I principali fiumi sono: l'Aterno-Pescara, il Sangro e il Vomano, tutti sfocianti nel Mar Adriatico .
Chieti Teramo L'Aquila