Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

MONDIALE DI PESCA IN APNEA: VINCE JODY LOT; L’ITALIA CHIUDE AL SESTO POSTO!

Il portoghese Jody Lot si è aggiudicato la 31^ edizione del Campionato Mondiale di Pesca in Apnea, disputatasi a Sagres, in Portogallo, l’8 e il 9 Settembre 2018.
La vittoria della seconda giornata, dove ha portato al peso un carniere composto da venticinque prede, unitamente al quinto posto ottenuto nella prima, gli hanno consentito di salire sul gradino più alto del podio, davanti al suo connazionale André Domingues, il quale, nonostante i due secondi posti collezionati in altrettante giornate di gara (per lui trentotto prede il primo giorno e ventitré il secondo), si è dovuto accontentate (si fa per dire) della medaglia d’argento finale. Ha completato il podio lo spagnolo Xavier Blanco, che, sebbene non sia riuscito a replicare la strepitosa prima giornata, da lui vinta con trentacinque pesci, è riuscito comunque ad agguantare, con la quarta posizione conseguita nella seconda, il terzo posto finale.
Al quarto, quinto, sesto e settimo posto si sono attestati, rispettivamente, lo spagnolo Sergio Dejulian, il cipriota Giorgus Vasiliou, lo spagnolo Angel Lopez Cid e il portoghese Pedro Domingues.
Il primo degli azzurri si è confermato Angelo Ascione, che, con un ottavo e un quindicesimo piazzamento, ha chiuso il Mondiale in ottava posizione, davanti al tahitiano Dell Lamartiniere, nono, e a Cristian Corrias, che, in rimonta, è riuscito a conquistare il decimo posto finale.
Male Concetto Felice, il quale, dopo una seconda giornata non all’altezza delle aspettative (con sole sei prede ha chiuso al quarantaquattresimo posto), si è visto anche retrocedere a zero punti nella classifica del giorno precedente, a seguito di un reclamo presentato dalla Nuoza Zelanda al termine della prima giornata di gara. L’accusa è quella di aver fatto un tuffo dopo che era già stato decretato il termine della gara.
Ovviamente, tale decisione, verso la quale comunque la Squadra Nazionale Italiana ha presentato ricorso, ha avuto delle ripercussioni pesantissime per l’Italia nella classifica per Nazioni, in quanto, con Concetto Felice relegato in sessantaquattresima posizione, il Team Azzurro non è riuscito ad andare oltre il sesto posto, dietro alla Croazia (quinta), a Cipro (quarto), al Cile (terzo), al Portogallo (secondo) e alla Spagna (prima). 

Visualizza la classifica del Campionato Mondiale Individuale

Visualizza la classifica del Campionato Mondiale per Nazioni