Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

A BALLABIO L'INTERVENTO DELLA FIPSAS LECCO SALVA CIRCA 300 TROTE

Centinaia di trote che stavano agonizzando in un tratto del torrente Grigna in secca, sono state salvate dall'intervento di Stefano Simonetti, assessore all'Ambiente del Comune di Ballabio e presidente dell'Asd Fipsas Lecco.

I volontari dell'associazione sono intervenuti a Ballabio nel pomeriggio di venerdì 19 ottobre, dopo che un cittadino si era messo in contatto con l'amministrazione comunale segnalando il problema.

"Appena ricevuto l'allarme dal vicesindaco - spiega Stefano Simonetti - ci siamo mossi con l'attrezzatura adeguata per questo genere di operazioni e siamo riusciti a recuperare circa 300 trote che si trovavano in difficoltà nel torrente Grigna, a Ballabio superiore. Tra queste, diversi bellissimi esemplari di trote Fario". I pesci sono stati raccolti in una speciale vasca con ossigeno e trasferiti in una zona più a monte, dove il torrente non corre il rischio di rimanere in secca.

La Fipsas non è nuova a interventi del genere in Valsassina: nel gennaio dell'anno scorso i volontari dell'associazione presieduta dall'avvocato Simonetti avevano salvato oltre 650 trote assieme a gamberi di fiume e rane, messi in pericolo da lavori sull'argine del Pioverna, nella zona di Introbio.

Fonte: Il Corriere di Lecco