images/images/attivitasubacquee_nuotopinnato/Tiro_al_Bersaglio_Sub/medium/Foto_Stage_Formativo_TiroSub_Tunisia_PP.jpg

COLLABORAZIONE FIPSAS – FTPS PER LO SVILUPPO DEL TIRO AL BERSAGLIO SUB

Nell’ambito di un proficuo rapporto di collaborazione instauratosi tra la FIPSAS e la FTPS (Fédération Tunisienne de Pêches Sportives), finalizzato allo sviluppo del tiro al bersaglio subacqueo in campo internazionale, ha avuto luogo a Biserta, in Tunisia, dal 6 all’8 Aprile u.s., uno stage formativo della disciplina. Previo uno specifico accordo intercorso tra il Presidente FIPSAS, Prof. Ugo Claudio Matteoli, e il Presidente FTPS, Dott. Fethi Bayar, a tale iniziativa hanno preso parte, in qualità di formatori, il Giudice Internazionale, nonché componente la Commissione Sportiva Federale della disciplina, Ezio Barbero, e l’atleta della Squadra Nazionale Italiana, Chiara Esposito, i quali si sono assai ben disimpegnati nel divulgare quante più nozioni possibili inerenti il tiro al bersaglio sub. Allo stage hanno assistito numerosi giudici e atleti di pesca in apnea, nonché presidenti di club, oltre al Tesoriere, al Direttore Tecnico e all’Allenatore della FTPS, costituiti, rispettivamente, dai Sigg. Fathi Jebalia, Bahri Rifaat e Samir Boubaker. Le tre giornate sono state molto intense, in quanto sono stati visionati tutti i regolamenti internazionali e i documenti necessari per realizzare una competizione. Non solo, ma sono state prese in esame anche le varie procedure da seguire per chi volesse cimentarsi in questo sport. Il tutto è poi culminato con una breve dimostrazione in acqua. Sono state davvero molte le domande che i partecipanti allo stage hanno rivolto a Ezio Barbero e a Chiara Esposito, a dimostrazione di come in Tunisia ci sia un grande interesse nei confronti di questa disciplina. Del resto, gli esponenti della FTPS sono rimasti talmente entusiasti per l’esito di questo stage che hanno manifestato l’intenzione di organizzare, quanto prima, una Coppa del Mondo per Club. Ovviamente, per tutto il movimento internazionale questo sarebbe un grandissimo risultato. Di certo la FIPSAS è pronta a fare la sua parte e, qualora ce ne fosse la necessità, non farebbe mancare la sua collaborazione.