Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/images/attivitasubacquee_nuotopinnato/apnea/medium/Foto_Livia_Mauro_e_Alessia.jpg

EUROPEI DI APNEA INDOOR: TRIS DI MEDAGLIE PER GLI AZZURRI ANCHE NELLA DYN MONOPINNA!

Si è aperta nel segno degli azzurri anche la quarta e ultima giornata di gare del Campionato Europeo di Apnea Indoor di Istanbul. Questa mattina (22 Giugno), infatti, in occasione della competizione di apnea dinamica con monopinna, la Squadra Nazionale Italiana ha conquistato altre tre medaglie: una d'oro, una d'argento e una di bronzo. Ad aggiudicarsi la prima è stata Alessia Zecchini, che, con l'incredibile distanza di 253,00 m, ha anche stabilito il nuovo Record Mondiale della specialità. Il precedente record mondiale, detenuto dalla stessa pluricampionessa romana, che lo aveva conseguito a Lignano Sabbiadoro (UD) nel 2016, era pari a 250,00 m. La regina dell'apnea chiude così questa sesta edizione dell'Europeo di Apnea Indoor con all'attivo tre medaglie (due d'oro e una d'argento) e due record mondiali. Un bottino davvero niente male. Molto bene anche Livia Bregonzio, che, dopo il bronzo ottenuto ieri nella dinamica con pinne, si è resa protagonista quest'oggi, con la misura di 250,00 m, di una magnifica medaglia d'argento. Ha completato il podio femminile la polacca Julia Kozerska, terza con 236,20 m. In chiave azzurra, da segnalare anche le buone prestazioni di Cristina Rodda e Rosa Giannoccaro, che, con le distanze di 232,08 e 218,50 m, hanno chiuso, rispettivamente, al quarto e al sesto posto. In campo maschile, eccellente performance di Mauro Generali, il quale, dopo l'argento vinto ieri nella dinamica con pinne, ha conseguito quest'oggi, con la distanza di 276,10 m, valsagli il nuovo Record Italiano della specialità, una meritatissima medaglia di bronzo, dietro al francese Guillaume Bourdila, argento con 284,85 m, e al polacco Mateusz Malina, oro e autore del nuovo Record Mondiale con 316,53 m.