Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/images/ambiente/medium/Cormorano_liguria.jpg

LIGURIA: IL TAR CONFERMA IL PIANO REGIONALE DI CONTROLLO DEI CORMORANI

Il Tribunale Amministrativo Regionale della Liguria, con l’ordinanza n. 48 del 21/2/2020, ha confermato la validità del Piano di controllo del Cormorano in Liguria.
Il 5 febbraio scorso, lo stesso TAR, dopo un ricorso presentato dalla Lega Abolizione Caccia (L.A.C.), disponeva la sospensione temporanea della delibera della Regione Liguria n. 905 del 29 ottobre 2019, avente ad oggetto: “Approvazione Piano di controllo del Cormorano nella Regione Liguria – Anni 2019 – 2023”, il quale prevedeva, nel primo anno, l’abbattimento di 90 cormorani nei corsi d’acqua interni della Liguria.

È necessario difendere l’ecosistema dall’effetto devastante delle specie alloctone in sovrannumero, come il cormorano. Proprio per questo, a sostegno della delibera regionale ed in opposizione al ricorso presentato dalla L.A.C., si costituivano insieme alla Regione Liguria anche la FIPSAS e l'Arcipesca, ottenendo un’importante vittoria con l’ordinanza n. 48 del 21/2/2020. In particolare il TAR Liguria ha riconosciuto e ritenuto che, da un lato, non sussista “l’indispensabile requisito del danno grave … anche in relazione al doveroso bilanciamento tra la salvaguardia di specie ittiche autoctone a rischio di estinzione ed il prelievo della specie Phalacrocorax carbo sinensis, considerata specie non in declino” e che, dall’altro lato, Regione Liguria ha effettuato “una istruttoria equilibrata … nella ponderazione dei diversi aspetti di protezione ambientali qui coinvolti”.

LEGGI L’ORDINANZA N. 48 DEL 21.02.2020