Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/images/Didattica_di_Superficie/medium/call_div_ab2021.jpg

FIPSAS E LENZA ORVIETANA RIPARTONO INSIEME CON UN CORSO ON-LINE

Si é concluso con la lezione di venerdì 19 febbraio alle 18 il corso on-line nato nel seno del progetto Ripartiamo con la FIPSAS che ha visto lavorare insieme, per questa occasione, la FIPSAS, la Lenza Orvietana e l’Associazione Andromeda, che da anni si dedica al mondo dei diversamente abili, principale obiettivo del progetto federale.

I ragazzi e le ragazze coinvolti, di età variabile tra i 10 e gli oltre 30 anni, sono stati attenti alle lezioni di Renato Rosciarelli, per più di 35 anni docente di scienze biologiche e Valentino Maggi, presidente della Lenza Orvietana, che hanno affrontato nel modo più appetibile possibile tematiche importanti che riguardano l’ambiente, gli ecosistemi e la preservazione degli stessi, ma anche tutorial per poter insegnare come fare le lenze per poter pescare. Ospite d’eccezione del corso è stato Fabio Coscia, atleta e agonista internazionale della Lenza Orvietana, vero vanto per la Fipsas della pesca al colpo, ragazzo dalle grandi capacità umane oltre che sportive, che ha fatto parte della nazionale per diversamente abili. Grazie a lui i partecipanti hanno potuto avere la testimonianza in carne e ossa di chi ha vissuto un proprio limite, imposto dalle vicissitudini della vita come un’opportunità per poter dimostrare le proprie capacità.

Durante il collegamento hanno portato il loro saluto il presidente del Comitato Regionale Fipsas dell'Umbria Vanni Giorgioni e il presidente della sezione della sezione provinciale di Terni Valter Chiari. Il corso, molto seguito ed apprezzato, segna un ulteriore tappa positiva nel percorso di un progetto, approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, dai nobili fini in cui la FIPSAS non risparmia, anche in un periodo cosi difficile dovuto alla pandemia, le sue energie e risorse più valide.