Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/images/federazione/medium/situazione_italia29marzo.jpg

AGGIORNAMENTO COLORI REGIONI E MEMO MISURE IN BASE AL DECRETO LEGGE 13 MARZO 2021, N. 30

Le misure dal 15 marzo al 6 aprile👈
 
🔸NOVITA’ GENERALI INTRODOTTE DAL DECRETO
 
🔴ZONA ROSSA AUTOMATICA🔴
Da lunedì 15 marzo fino al 6 aprile le Regioni che avranno un numero settimanale di casi superiore a 250 ogni 100mila abitanti passeranno automaticamente in zona rossa. 
 
🔸DAL 15 MARZO AL 2 APRILE, E IL 6 APRILE LE REGIONI GIALLE DIVENTANO ARANCIONI 🟡🟠
Dal 15 marzo al 2 aprile 2021 e nella giornata del 6 aprile 2021, nelle Regioni i cui territori si collocano in zona gialla, si applicano le misure stabilite dai provvedimenti per la zona arancione. 
 
🔴MISURE ZONA ROSSA PER IL 3, 4, 5 APRILE SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE 
Per le festività pasquali, dal 3 al 5 aprile, le misure previste per la zona rossa si applicheranno su tutto il territorio nazionale. 
Visite a parenti e amici (3, 4, 5 APRILE) 
È consentito lo spostamento all’interno della propria Regione verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, tra le ore 5 e le ore 22, e nei limiti di due persone oltre a quelle già conviventi e oltre ai minori di 14 anni, alle persone disabili o non autosufficienti conviventi 
 
DA OGGI LUNEDÌ 29 MARZO 2021 FINO AL 04 APRILE SONO RICOMPRESE:
 
L'Italia, per un'altra settimana, resta divisa in due tra zona rossa e arancione. Nessuna zona bianca o gialla
 
🟠nell'area arancione: Il Lazio passa in arancione domani, martedì 30 marzo, e va ad aggiungersi ad Abruzzo, Basilicata, Liguria, Sicilia, Umbria, Sardegna e Molise. In arancione è anche la provincia autonoma di Bolzano ma con restrizioni locali più restrittive.
🔴nell'area rossa: Oggi passano al colore rosso  la Calabria, la Toscana e la Valle d’Aosta. Restano rosse Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Campania, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Piemonte e la Provincia Autonoma di Trento. La Puglia è in rosso rafforzato
 
🎣L’esercizio della pesca sportiva ( in quanto attività sportiva e al pari delle altre attività sportive) è consentito ( salvo diverse ordinanze regionali o locali più restrittive ) in forma individuale nelle zone arancioni o rosse dalle ore 5 alle ore 22 con divieto di spostamento tra regioni e con queste modalità:
 
🟠nelle zone arancioni nel proprio comune senza necessità di munirsi di autocertificazione, mentre fuori dal proprio comune con autocertificazione (naturalmente, valgono anche in questo caso le regole prudenziali che suggeriscono non solo di limitare all’indispensabile gli spostamenti, ma anche di effettuarli, di massima, raggiungendo il luogo più vicino al proprio comune di residenza qualora l’attività di pesca non sia esercitabile nel proprio comune di residenza.
Per un approfondimento sulla pesca nelle zone arancioni si consiglia di leggere questo post:
 
Si ricorda, altresì, l'ordinanza della regione Umbria che consente in zona arancione la pesca a livello provinciale:
 
 
E quella della regione Liguria che consente la pesca in zona arancione e arancione rafforzata a livello regionale.
 
 
Anche la regione Toscana ha emanato l'ordinanza che consente la pesca in zona arancione ma non sarà applicabile fintanto che permarrà la qualificazione della regione come rossa.
 
🔴nelle zone rosse nel proprio comune con autocertificazione;
 
 
👫VISITE AD AMICI E PARENTI 
Ok in zona arancione alle visite a casa di amici e parenti che abitano nello stesso comune, dalle 5 alle 22, massimo in due persone oltre ai minori di 14 anni dal 15 marzo al 2 aprile 2021 e il 6 aprile. 
Lo spostamento non è consentito nei territori nei quali si applicano le misure stabilite per la zona rossa. 
 
🔹POTERI DELLE REGIONI 
Dal 15 marzo al 6 aprile 2021, i Presidenti delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano possono disporre l’applicazione delle misure stabilite per la zona rossa e anche altre misure più restrittive: 
• nelle Province in cui l’incidenza cumulativa settimanale dei contagi è superiore a 250 casi ogni 100.000 abitanti; 
• nelle aree in cui la circolazione di varianti di SARS-CoV-2 determina alto rischio di diffusività o induce malattia grave 
 
La situazione pandemica continua ad essere molto delicata. 
Siamo nel pieno della terza ondata e dobbiamo comportarci tutti con responsabilità, continuando ad adottare tutte le misure di prevenzione necessarie, dall'uso delle mascherine, alla distanza di sicurezza fino all'igienizzazione delle mani.
 
⚠️ INVITIAMO TUTTI AD INFORMARSI SULLA PRESENZA DI ORDINANZE REGIONALI O LOCALI PIU RESTRITTIVE IN VIGORE NEL PROPRIO TERRITORIO