Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/images/federazione/medium/dipartimento-perlosport.jpg

DAL 26 APRILE 2021 IN ZONA GIALLA È POSSIBILE DI DISPUTARE GARE DI OGNI ORDINE E GRADO, COMPRESE QUELLE SOCIALI

Con la pubblicazione del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52 (Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell'epidemia da COVID-19) sono state introdotte nuove disposizioni per il mondo dello sport.

Dal 26 aprile 2021, in zona gialla, è consentito lo svolgimento all'aperto di qualsiasi attività sportiva anche di squadra e di contatto. Ciò è possibile anche per le zone all’aperto di centri e circoli sportivi, di palestre, parchi e aree attrezzate. È comunque interdetto l'uso degli spogliatoi.

Quindi in base al Decreto suddetto è aperta la possibilità di disputare gare di ogni ordine e grado, comprese quelle sociali, purché nel rispetto delle norme COVID, disputate all'aperto e in assenza di pubblico.

Dal 15 maggio 2021 in zona gialla sono consentite le attività di piscine all’aperto.

Dal 1° giugno 2021, in zona gialla, sono consentite le attività di palestre. Sarà possibile la presenza di pubblico agli eventi e alle competizioni di livello agonistico e riconosciuti di preminente interesse nazionale, con posti a sedere preassegnati e assicurando il distanziamento interpersonale. La capienza consentita non può superare il 25% della massima prevista (e comunque il numero massimo di spettatori non può essere superiore a 1.000 per impianti all'aperto e a 500 per impianti al chiuso).

Queste riaperture devono tutte avvenire nel rispetto delle linee guida di prossima pubblicazione e adottate dalla Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), sulla base di criteri definiti dal Comitato tecnico-scientifico.