Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/images/attivitasubacquee_nuotopinnato/Pesca_in_apnea/medium/nazionale_pia_2021.jpg

UFFICIALIZZATE LE NAZIONALI CHE PRENDERANNO PARTE AL MONDIALE MASCHILE E FEMMINILE DI PESCA IN APNEA DI ARBATAX

Il Direttore Tecnico Marco Bardi ha reso nota la composizione delle Squadre che rappresenteranno l’Italia, rispettivamente, al 32° Campionato Mondiale Maschile e al 1° Campionato Mondiale Femminile di Pesca in Apnea, in programma ad Arbatax (NU), dal 16 al 20 Settembre 2021. Per quel che riguarda la Nazionale maschile, i tre atleti titolari saranno Cristian Corrias, Giacomo De Mola e Dario Maccioni, mentre la riserva ufficiale sarà Luigi Puretti. Si tratta della stessa squadra selezionata lo scorso anno, prima che esplodesse la pandemia. A questi nominativi si aggiungeranno poi quelli di tutta una serie di atleti facenti parte il Club Azzurro, i quali affiancheranno il team ufficiale durante la preparazione.

Team Italia maschile

In campo femminile, le atlete titolari saranno Maria Fanito, Alice Ferrari e Tiziana Martinelli, con Cinzia Assunta Cara come riserva ufficiale. A completare la rosa ci sarà, inoltre, Alessandra Totaro, la quale svolgerà le funzioni di assistente/accompagnatrice.

Team Italia femminile

Per il D.T. Marco Bardi, “quella femminile è una squadra indubbiamente molto affiatata, anche se, trattandosi della prima esperienza internazionale, è veramente complicato fare dei pronostici. Discorso diverso, invece, per la quadra maschile, la quale – ha proseguito Bardi – è composta da atleti che si conoscono benissimo, per il fatto di aver condiviso altre esperienze internazionali, e che hanno tutte le carte in regola per potersi ritagliare un ruolo da protagonisti in occasione del Mondiale sardo, dove, è inutile negarlo, l’obiettivo dichiarato è quello di centrare un risultato di assoluto prestigio”.