Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/images/Didattica_Subacquea/medium/news_ds080921.jpg

LAGO DI CAPO D'ACQUA E FIUME PESCARA: DUE SPLENDIDE IMMERSIONI NELLA VALLE DEL TIRINO

Anche quest'anno, grazie alla splendida collaborazione tra GdPS Biologia, Fotografia e Video Subacqueo FIPSAS-CMAS e l'Associazione Atlantide Sub di Dante e Maria Cetrioli, sono state organizzate due bellissime immersioni nella Valle del Tirino, nelle acque del Lago di Capo d'Acqua (Capestrano, Abruzzo, AQ), e nelle bellissime fonti del Pescara.
Questa volta due sono stati i corsi sviluppati: un corso PBioL (brevetto di specialità per la biologia delle acque dolci) e un corso PVs (brevetto di specialità di Video Subacqueo); entrambi i corsi sono stati organizzati durante lo scorso "blocco delle attività" causato dal protrarsi della pandemia da COVID, così tutte le lezioni teoriche e tutti gli approfondimenti tecnico-scientifici sono stati presentati agli allievi in modalità DAD.

Il corso PVs è stato richiesto dal Club Castelfranco Sub, mentre il corso PBioL è stato richiesto e organizzato dal CCF PiaceSub di Piacenza.

Gli allievi sono stati tanti: circa 12 per PVs e circa 8 per PBioL.

Visitare la Valle del Tirino vuol dire calarsi in un'atmosfera dai gusti "templari" e naturalistici, ma immergersi nel Lago di Capo d'Acqua e "volare" lungo le morbide rapide del fiume Pescara, tra le sue sorgenti, è stato splendido e tutti hanno portato a casa un ricordo tangibile di una meravigliosa esperienza. 
Corsi di specialità come biologia, fotografia e video subacquei sono sempre più richiesti. I subacquei moderni hanno compreso l'importanza di conoscere l'ambiente acquatico sia marino che dulciacquicolo e hanno capito che foto e video sono gli strumenti più comodi, viste le tecnologie attuali, per "rubare" e "conservare" nel tempo i ricordi delle esperienze uniche vissute sott'acqua! 

La Federazione è sempre più in linea con queste necessità e i numeri lo sottolineano!