Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/images/attivitasubacquee_nuotopinnato/nuoto_pinnato/medium/Gruppo_atleti_universitari_nuoto_pinnato.jpg

A LIGNANO “SALGONO IN CATTEDRA” GLI ATLETI UNIVERSITARI DI NUOTO PINNATO

Si è svolto a Lignano Sabbiadoro (UD), presso il Villaggio Sportivo Bella Italia, il 20 e 21 novembre u.s., uno stage riservato agli atleti universitari praticanti il nuoto pinnato. All’iniziativa hanno aderito più di 50 atleti, provenienti da ogni parte di Italia, i quali, sotto la guida di un nutrito gruppo di tecnici federali, si sono allenati per due giorni consecutivi.

Staff Tecnico Federale

Insieme a loro sono scesi in acqua moltissimi studenti dell’Università di Udine e delle Scuole Superiori di Lignano Sabbiadoro e San Vito al Tagliamento, i quali, grazie a “talentopInnato” (questo il nome dell’evento ideato e realizzato dalla FIPSAS per promuovere il nuoto pinnato e, contestualmente, individuare potenziali giovani talenti), hanno così potuto cimentarsi con questa affascinante e spettacolare disciplina. Alla fine sono stati circa 150 gli studenti friulani accorsi a Lignano per “sperimentare” il nuoto pinnato. Un successo partecipativo andato oltre ogni più rosea aspettativa e che lascia ben sperare per il futuro, visto l’interesse che questo sport è in grado di suscitare, specie tra i giovani.

Foto di gruppo 2

Lo stage è stato anche l’occasione per fare il punto della situazione in vista della prima edizione della Coppa del Mondo Universitaria di Nuoto Pinnato, in programma a Lignano Sabbiadoro, l’1 e il 2 aprile 2022. Un evento, quest’ultimo, decisamente importante, in quanto sancisce l’ingresso del nuoto pinnato all’interno del mondo FISU, con la possibilità di poter essere inserito nel programma delle Universiadi. Un motivo in più, quindi, per fare estrema chiarezza su quelle che saranno le modalità per prendervi parte, anche perché le iscrizioni non verranno gestite dai singoli CUS, ma dal CUSI, il quale recepirà le indicazioni tecniche fornite dalla FIPSAS. Ovviamente, l’obiettivo principale è quello di ben figurare sia dal punto di vista organizzativo che sportivo. Ragion per cui, fermi restando i vincoli imposti dalla FISU (massimo di due atleti per ogni distanza, maschile e femminile, appartenenti a due diverse Università), si cercherà di fare il possibile per allestire una rappresentativa che possa essere estremamente competitiva.

Talentopinnato 1